Home   news   I bambini hanno bisogno di nuove sfide per crescere, altrimenti si annoiano!

I bambini hanno bisogno di nuove sfide per crescere, altrimenti si annoiano!

A settembre suona la campanella!
E tanti bimbi si stanno preparando a fare il grande passo.Davanti a loro tante nuove avventure, ma anche un po’ di timore. Come sarà?Ma i piccoli, dalla loro, hanno il dono dell’incoscienza e della curiosità.Le novità li stuzzicano e nelle avventure ci si tuffano a capofitto.E i genitori? Spesso sono più agitati, emozionati e apprensivi dei bambini. E sono proprio loro con le loro paure a frenare i figli.Il distacco? E’ difficile per tutti. Ma con un pizzico di ottimismo si può superare.C’è una frase che noi genitori dovremmo tenere bene a mente: “I bambini hanno bisogno di nuove sfide per crescere, altrimenti si annoiano!”A contatto con persone diverse vostro figlio imparerà a stabilire un attaccamento con altre figure e questo lo preserverà da un rapporto simbiotico con la mamma e dalla relativa angoscia di abbandono.
Inoltre il contatto con gli altri bambini lo stimolerà allo scambio, alla socializzazione e all’apprendimento per imitazione.Il primo anno si ammalerà spesso? Sicuramente. Ma anche questo servirà a costruire gli anticorpi che lo renderanno più sano, forte e robusto in futuro.In ogni caso ai piccoli fa bene uscire dal “nido familiare”. Il compito dei genitori è quello di preparargli una base sicura da cui partire.
Un suggerimento?La sera, per aiutarlo a dare un senso alle sue paure, si può raccontare una fiaba che racconti di un bimbo felice che andava al nido….
Il momento più bello? quando si vanno a riprendere. La corsa, l’abbraccio e lo sguardo felice ripagano di ogni sacrificio!
Foto: “I bambini hanno bisogno di nuove sfide per crescere, altrimenti si annoiano!” A settembre suona la campanella! E tanti bimbi si stanno preparando a fare il grande passo.  Davanti a loro tante nuove avventure, ma anche un po’ di timore. Come sarà? Ma i piccoli, dalla loro, hanno il dono dell’incoscienza e della curiosità.  Le novità li stuzzicano e nelle avventure ci si tuffano a capofitto. E i genitori? Spesso sono più agitati, emozionati e apprensivi dei bambini. E sono proprio loro con le loro paure a frenare i figli. Il distacco? E’ difficile per tutti. Ma con un pizzico di ottimismo si può superare. C’è una frase che noi genitori dovremmo tenere bene a mente: “I bambini hanno bisogno di nuove sfide per crescere, altrimenti si annoiano!” A contatto con persone diverse vostro figlio imparerà a stabilire un attaccamento con altre figure e questo lo preserverà da un rapporto simbiotico con la mamma e dalla relativa angoscia di abbandono. Inoltre il contatto con gli altri bambini lo stimolerà allo scambio, alla socializzazione e all’apprendimento per imitazione. Il primo anno si ammalerà spesso? Sicuramente. Ma anche questo servirà a costruire gli anticorpi che lo renderanno più sano, forte e robusto in futuro. In ogni caso ai piccoli fa bene uscire dal “nido familiare”. Il compito dei genitori è quello di preparargli una base sicura da cui partire.  Un suggerimento? La sera, per aiutarlo a dare un senso alle sue paure, si può raccontare una fiaba che racconti di un bimbo felice che andava al nido…. Il momento più bello? quando si vanno a riprendere. La corsa, l’abbraccio e lo sguardo felice ripagano di ogni sacrificio!

 

 
  • Calendar icon 23 marzo 2014
  • Category icon news

Comments are closed.